scarola stufata con peperoncino e olive
Secondi ma non troppo

Un contorno piccante. Scarola stufata con peperoncino e olive

Oggi cuciniamo un contorno piccante, di quelli che stuzzicano fantasia e palato? La voglia di scarola stufata con peperoncino e olive taggiasche appartiene al gene meridionale della famiglia, quello che chiede una botta di vita, quando il grigio padano toglie colore a ogni cosa. La ricetta è super facile. 🙂

La scarola è una verdura delicatamente amara, ricchissima di acqua, protagonista, a dispetto della sua naturale salubrità, di manicaretti semplici e gustosi, soprattutto al sud. Sto pensando alle scarole e pizze ripiene, alle minestre campane, a quella palermitana che, dopo i pranzi pantagruelici, viene servita come piatto depurativo.

A me piace cucinarla in padella con aglio, peperoncino, alici, olive e un filo d’olio evo. Non mi preoccupo di sbollentarla e metterla in acqua ghiaccio per conservarne il colore verde chiaro. É una raffinatezza culinaria che evito quasi sempre.

Ho portato in tavola la scarola piccante per accompagnare delle buone polpettine al forno. La family ha gradito e mio marito ha scattato la foto. Gabriele mi sta incoraggiando a scrivere e condividere il mio lavoro. Grazie! 🙂

Torniamo al contorno. Quando cuociamo la scarola, dobbiamo tenere presente che si riduce molto. Quindi per quattro persone servono due folti cespi. La verdura rilascia molto acqua, questo permette di usare pochissimo olio evo.

Come sempre, vediamo cosa infilare nella borsa della spesa: prima di tutto le scarole, poi aglio, alici sott’olio, olive taggiasche denocciolate, peperoncino fresco, olio extravergine d’oliva. Se non volete utilizzare le alici è necessario un pizzico di sale fino. Il sapore cambia un po’. 😉

Non servono particolari attrezzi da cucina, se non un’ampia padella antiaderente a bordi alti, un cucchiaio di legno, un tagliere, una centrifuga a mano per lavare e asciugare la scarola.

scarola con peperoncino e olive
La scarola con peperoncino e olive è un contorno molto gustoso

Difficoltà: bassa
Preparazione: 10 minuti
Cottura: 25 minuti
Porzioni: 4
Costo: basso

Ingredienti e quantità:

  • 2 cespi di scarola
  • 2 peperoncini freschi o essiccati
  • 4 filetti di alici sott’olio
  • 1 fesa d’aglio
  • 5 cucchiai di olive taggiasche denocciolate
  • olio extravergine d’oliva

Come preparare la scarola stufata con peperoncino e olive

  1. Per la scarola stufata con peperoncino e olive, il nostro contorno piccante, eliminare la parte finale delle scarole, lavare bene le foglie, asciugarle e spezzarle grossolanamente con le mani.
  2. Versare un filo d’olio extravergine nella padella antiaderente, unire l’aglio, i peperoncini spezzettati e le alici. A fiamma dolce far sciogliere queste ultime, eliminare l’aglio e aggiungere le olive denocciolate. Io acquisto dal mio fruttivendolo delle ottime olive taggiasche già denocciolate. Potete usare olive taggiasche o, in alternativa, olive di Gaeta intere a cui togliere il nocciolo. Devono essere saporite. 😉
  3. A questo punto, aggiungere la scarola, farla insaporire per qualche minuto. Con il cucchiaio di legno portare le foglie di scarola che, piano piano appassiscono, verso l’alto, in modo tale che il condimento dia gusto uniformemente.
  4. Abbassare la fiamma, mettere il coperchio alla padella e stufare la scarola con peperoncino e olive per 20/25 minuti, sino a quando la verdura non risulterà cotta. Se avrà rilasciato troppa acqua, farla evaporare un poco, togliendo il coperchio. Il nostro contorno piccante è pronto!

Se non siete certi della piccantezza dei peperoncini che avete acquistato, unitene uno solo al condimento. Potete sempre aggiustare il tiro con un pizzico di peperoncino in polvere.

Come vi ho raccontato, ho portato in tavola la scarola stufata con peperoncino e olive come contorno. Se preferite servitela con riso basmati, si trasforma così in un piatto unico. L’abbinamento è godurioso. Grazie per i vostri commenti e i mi piace. 😉

Annunci

3 pensieri riguardo “Un contorno piccante. Scarola stufata con peperoncino e olive”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.