Spanakopita con quartirolo lombardoo e olive
Secondi ma non troppo

Spanakopita con quartirolo lombardo e olive

Prepariamo una spanakopita speciale con quartirolo lombardo e olive? Per chi non lo sapesse, la spanakopita è una torta salata, tipica della cucina greca, fatta con pasta fillo, spinaci, feta, cipollotti freschi ed erbe aromatiche. Vi propongo la ricetta di una deliziosa spanakopita, improvvisata lo scorso sabato con quel che avevo in casa.

Alla feta ho sostituito il quartirolo lombardo, un formaggio di latte vaccino saporito e antico che, come la feta, tende a sbriciolarsi. Ho poi aggiunto delle olive taggiasche e il nostrano prezzemolo. La mia spanakopita di pianura è piaciuta. Azzeccatissime le olive taggiasche nel ripieno di spinaci e formaggio.

Come la feta anche il quartirolo lombardo è un formaggio DOP, a Denominazione di Origine Protetta. Per la mia spanakopita ho scelto del quartirolo fresco, sapido con un retrogusto delicatamente acido, friabile. Poi ho pensato alla scena finale di Mediterraneo, il film di Salvatores, così nella farcia ci sono finite anche le olive.

Per la spanakopita con il quartirolo servono: pasta fillo, quartirolo, olive taggiasche denocciolate, cipollotti freschi oppure una cipolla rossa di Tropea, prezzemolo, spinaci freschi o surgelati, sale fino, pepe, olio extravergine d’oliva, una ciotola capiente, una ciotolina, un pennello da cucina, un coltello, carta assorbente da cucina, una pirofila, una padella antiaderente, una pentola per sbollentare gli spinaci, se acquistate quelli freschi.

Spanakopita con quartirolo lombardo e olive
La spanakopita è una torta salata con un involucro di pasta fillo
  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 25 minuti
  • Cottura in forno: 50 minuti
  • Porzioni: 6/8
  • Costo: basso

Ingredienti e quantità:

  • 12 fogli di pasta fillo (si acquista nei migliori negozi)
  • 800 g di spinaci surgelati oppure 1 kg e 500 di spinaci freschi
  • 200 g di quartirolo lombardo fresco
  • 4 cucchiai di olive taggiasche denocciolate
  • 3 cipollotti o una grossa cipolla rossa di Tropea
  • 20 g di prezzemolo fresco tritato
  • 1 uovo
  • sale q.b.
  • pepe nero q.b.

Come fare la spanakopita con quartirolo lombardo e olive

  1. Per la spanakopita con quartirolo e olive, se usate spinaci freschi, lavarli per bene, sciacquandoli molte volte per eliminare l’eventuale presenza di terriccio. Portare a bollore in una pentola capiente abbondante acqua, cuocere gli spinaci per 20 minuti. Scolarli, lasciarli intiepidire e strizzarli.
  2. Pulire i cipollotti o la cipolla, lavarli, tritarli finemente. Lavare anche il prezzemolo, staccare le foglioline dal gambo. asciugarle con carta assorbente da cucina. tritarle a coltello grossolanamente.
  3. In una padella antiaderente, versare un cucchiaio d’olio evo, metà dei cipollotti tritati, gli spinaci, cuocere per una decina di minuti a fuoco moderato, salarli leggermente. Spegnere la fiamma, mettere gli spinaci in una ciotola, lasciarli intiepidire.
  4. Rompere l’uovo in un piatto, sbatterlo, unirlo agli spinaci con il restante trito di cipollotti, il prezzemolo, le olive denocciolate, il quartirolo, sbriciolato con la punta delle dita, il pepe macinato al momento. Amalgamare tutti gli ingredienti con un cucchiaio. Tenere a parte la farcitura della spanakopita.
  5. Mentre preriscaldate il forno a 180 °C, spennellare, uno alla volta e su un solo lato, i fogli di pasta fillo. Disporre i primi sei sulla base della pirofila, versare la farcitura. Chiudere la spanakopita con gli altri fogli di pasta fillo.
  6. Cuocere in forno la spanakopita con quartirolo lombardo e olive per 50 minuti, sino a quando la superficie risulti ben dorata. Lasciarla intiepidire, prima di tagliarla a quadrotti e portarla in tavola.

Se, come spesso accade anche a me, non avete tempo di pulire gli spinaci freschi, potete utilizzare per la spanakopita quelli surgelati. Non sono la stessa cosa, rendono però il procedimento della ricetta più veloce.

Quando uso gli spinaci surgelati, non li sbollento, li metto in padella con il cipollotto tritato. A fiamma moderata li cuocio sino a decongelarli. Alzo poi la fiamma per far evaporare l’acqua che hanno rilasciato. Lascio quindi intiepidire gli spinaci, li strizzo e proseguo con la fase 4 della ricetta.

Potete servire la spanakopita con quartirolo e olive come piatto unico o, tagliata a quadrotti, per accompagnare l’aperitivo home-made del sabato sera. Dimenticavo, in greco, spanako significa spinacio, pita vuol dire torta. Il quartirolo deve il suo nome all’erba quartirola, quella che cresce, a fine estate, dopo il terzo taglio. 😉 A presto!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.